Come riparare il boot di windows quando non si avvia più

Come riparare il boot di windows quando non si avvia più

Quello di oggi è un articolo un po’ tecnico che pubblichiamo in risposta alla domanda di un utente il quale ci chiede come si possa far ripartire il sistema operativo Windows quando esso risulta essere danneggiato o compromesso.

Molte volte, infatti, capita di installare un bootloader e, disinstallandolo, il pc non parte più. Oppure capita che a causa di uno spegnimento improvviso o di qualche altra causa il pc non si avvia.

Quello che possiamo fare è provare a ripristinare il settore “id boot”.

Windows ci mette a disposizione 3 strumenti per poterlo riparare (Windows 10 soltanto il bootcfg):

  • bootcfg
  • fixboot
  • fixmbr

In sostanza occorre possedere il cd con il sistema operativo di windows e occorre avviare il computer eseguendo il boot da cd rom.

A questo punto lasciate che abbia inizio la prima parte della procedura di setup quindi premete Invio per avviare l’installazione; quindi premere il tasto F8 per accettare il contratto di licenza d’uso. La procedura di setup provvederà a ricercare la precedente vostra installazione di Windows XP.

Premete R per avviare la Console di ripristino del sistema (sarà necessario indicare l’installazione di Windows che si desidera riparare e la password dell’amministratore).

Una volta avviata la Console di ripristino, digitate uno dei comandi indicati sopra facendolo seguire dallo slash e da un punto di domanda (es. bootcfg /?).

In questo modo potrete visualizzare la guida ai comandi con una breve descrizione.
In genere il comando bootcfg si esegue con l’opzione / rebuild

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.